Immagine del prodotto Aspirin Cardio 100mg 90 Tabletten
Immagine del prodotto Aspirin Cardio 100mg 90 TablettenImmagine del prodotto Aspirin Cardio 100mg 90 TablettenImmagine del prodotto Aspirin Cardio 100mg 90 Tabletten

Aspirin Cardio 100mg 90 Tabletten

Generalmente pronto per il ritiro in un arco di tempo che va da 1 a 4 settimane. Dettagli
Questo medicinale appartiene alla lista B e viene pertanto erogato su ricetta. Se dispone di una ricetta medica, potrà inviarcela per posta e a quel punto potremo spedirle il medicinale. Maggiori dettagli

Che cos'è Aspirina Cardio e quando si usa?

Aspirina Cardio contiene il principio attivo acido acetilsalicilico che, già in piccole quantità, inibisce l'aggregazione delle piastrine. Grazie ad un rivestimento resistente ai succhi gastrici la compressa si scioglie solo nell'intestino tenue. Per questo Aspirina Cardio salvaguarda la mucosa gastrica.

Aspirina Cardio deve essere assunta solo su prescrizione medica.

Aspirina Cardio serve per:

  • la prevenzione di trombosi arteriose dopo operazioni alle coronarie (bypass ed eliminazione di un restringimento delle coronarie).
  • la prevenzione di ictus, in seguito alla comparsa di fenomeni precursori (attacchi ischemici transitori, TIA).
  • la prevenzione di trombosi arteriose (coaguli di sangue nelle coronarie) dopo un infarto cardiaco (profilassi del reinfarto).
  • la prevenzione dell'infarto cardiaco in pazienti con alto rischio accertato dal medico. Devono essere contemporaneamente trattate malattie concomitanti come ipertensione, diabete e valori elevati dei lipidi nel sangue. Si deve inoltre smettere di fumare.
  • il trattamento dell'angina pectoris instabile.
  • il trattamento dell'infarto cardiaco acuto.
  • la prevenzione di trombosi arteriose dopo operazioni ai vasi sanguigni.
  • la prevenzione di un peggioramento in caso di malattia occlusiva delle arterie.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Non si deve assumere Aspirina Cardio per un periodo prolungato o in dosi elevate senza chiedere il parere del medico.

Quando non si può assumere Aspirina Cardio?

Non deve usare Aspirina Cardio nei seguenti casi:

  • se soffre di ulcera gastrica o duodenale;
  • se mostra una predisposizione ai sanguinamenti patologicamente alta;
  • se è ipersensibile al principio attivo acido acetilsalicilico o ad altri antiinfiammatori (antireumatici) o a medicamenti contro il dolore e la febbre. Questo tipo di ipersensibilità si manifesta ad es. con asma, dispnea, disturbi circolatori, gonfiori della pelle e delle mucose o eruzioni cutanee (orticaria);
  • in caso di gravi malattie cardiache, renali o epatiche.
  • se deve assumere contemporaneamente metotrexato a una dose superiori a 15 mg alla settimana.
  • negli ultimi 3 mesi di gravidanza.

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione di Aspirina Cardio?

Durante il trattamento con Aspirina Cardio possono comparire, nel tratto gastrointestinale superiore, ulcere della mucosa, in casi rari sanguinamenti o in casi singoli perforazioni (fori nello stomaco/nell'intestino). Queste complicazioni possono manifestarsi in qualsiasi momento durante il trattamento anche senza sintomi premonitori. Si rivolga al suo medico se ha mal di stomaco e sospetta una relazione con l'assunzione del medicamento.

In caso di compromissione della funzionalità dei reni o del sistema cardiovascolare, come ad esempio ipovolemia (diminuzione del volume di sangue circolante), interventi di chirurgia maggiore, avvelenamento del sangue o sanguinamenti maggiori è necessario un attento monitoraggio.

L'assunzione deve avvenire solo secondo precise istruzioni del medico nei casi cronici o ricorrenti di disturbi gastrointestinali e di asma, in caso di orticaria, di polipi nasali, di raffreddore da fieno o altre allergie, di una rara malattia ereditaria dei globuli rossi cosiddetta «carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi», come anche in caso di trattamento con sostanze che inibiscono la coagulazione («fluidificanti del sangue», anticoagulanti) o di sostanze che abbassano la pressione sanguigna (antipertensivi).

Aspirina Cardio non è raccomandata nei bambini e negli adolescenti sotto i 18 anni.

Bambini e ragazzi con febbre, influenza, varicella o altre malattie virali devono assumere Aspirina Cardio esclusivamente su indicazione del medico e solo come seconda scelta. Se nel corso di queste malattie oppure dopo la loro risoluzione dovessero manifestarsi alterazioni della coscienza accompagnate da vomito, deve consultare immediatamente il medico.

L'assunzione concomitante di Aspirina Cardio e antidiabetici (ad es. insulina, sulfaniluree) può ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

Deve consultare il suo medico se, contemporaneamente ad Aspirina Cardio, assume un antidolorifico e antinfiammatorio (come, ad es., i principi attivi ibuprofene o naprossene), queste sostanze possono attenuare l'effetto di Aspirina Cardio.

Il metamizolo (sostanza usata per ridurre dolore e febbre) può diminuire l'effetto dell'acido acetilsalicilico sull'aggregazione piastrinica (cellule del sangue che si attaccano e formano un coagulo di sangue), se assunto contemporaneamente. Pertanto, questa combinazione deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono aspirina a basse dosi per la cardioprotezione.

L'effetto di agenti contro la gotta (probenecid e sulfinpirazone), di medicamenti che stimolano l'eliminazione di urina (diuretici) e medicamenti contro l'ipertensione arteriosa può risultare diminuita. L'uso di antireumatici o metotrexato (assunto ad es. nella poliartrite cronica; v. anche la rubrica «Quando non si può usare Aspirina Cardio?») può potenziare gli effetti indesiderati.

In caso di utilizzo concomitante e prolungato di Aspirina Cardio, l'effetto di preparati cortisonici, medicamenti contro gli attacchi epilettici (antiepilettici), anticoagulanti, digossina e preparati al litio contro la depressione può risultare potenziata. Possono aumentare gli effetti indesiderati di questi medicamenti.

Aspirina Cardio può aumentare il rischio di sanguinamenti in caso di assunzione concomitante con preparati cortisonici, alcol o medicamenti appartenenti al gruppo dei cosiddetti inibitori della ricaptazione della serotonina contro le depressioni. L'assunzione contemporanea di Aspirina Cardio e preparati cortisonici o alcol può aumentare il rischio di ulcere gastrointestinali.

La predisposizione ai sanguinamenti può aumentare anche in seguito a piccole operazioni chirurgiche come, ad esempio, l'estrazione di un dente.

Anche a basse dosi, l'acido acetilsalicilico riduce l'escrezione di acido urico. Ciò può causare gotta nei pazienti che già presentano una ridotta escrezione di acido urico.

Informi il suo medico o il suo farmacista, nel caso in cui

  • soffre di altre malattie
  • soffre di allergie o
  • assume altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa).

Si deve consultare o informare il medico o il dentista riguardo all'assunzione prima di interventi chirurgici.

Si può assumere Aspirina Cardio durante la gravidanza o l'allattamento?

Per prudenza dovrebbe rinunciare nella misura del possibile ad assumere medicamenti durante la gravidanza e il periodo d'allattamento. Se, su indicazione del medico, continua o intraprende un trattamento con Aspirina Cardio durante la gravidanza, questo deve avvenire solo seguendo attentamente le sue indicazioni e solo durante i primi 6 mesi di gravidanza. Negli ultimi 3 mesi di gravidanza non si deve assumere Aspirina Cardio, in quanto ciò può mettere in pericolo il nascituro e per via del rischio di sanguinamenti e di un possibile ritardo del termine del parto.

In caso di assunzione regolare di dosi elevate durante l'allattamento, questo dovrebbe essere interrotto.

Come usare Aspirina Cardio?

Salvo diversa prescrizione medica:

Prevenzione di trombosi arteriose senza operazione chirurgica di bypass coronarico e dopo dilatazione mediante pallone di coronarie ristrette:

100 mg al giorno

Prevenzione di trombosi arteriose dopo operazione chirurgica di bypass coronarico e dopo dilatazione mediante pallone di coronarie ristrette:

100–300 mg al giorno

Prevenzione di ictus:

3× 100 mg al giorno oppure 1× 300 mg al giorno

Prevenzione di trombosi dopo infarto cardiaco e trattamento dell'angina pectoris instabile:

1× 100 mg al giorno

Prevenzione dell'infarto cardiaco in pazienti con alto rischio accertato dal medico:

1× 100 mg al giorno

Prevenzione di un peggioramento in caso di malattia occlusiva delle arterie:

1× 100 mg al giorno

Si consiglia di assumere le compresse con un po' di liquido, almeno mezz'ora prima del pasto. Subito dopo, bere da ½ a 1 bicchiere circa di liquido. Le compresse non devono essere frantumate, rotte o masticate.

In caso di infarto cardiaco acuto:

In caso di infarto cardiaco acuto, in ospedale le verranno somministrati 200-300 mg di acido acetilsalicilico per via endovenosa. In alternativa, potrà esserle somministrato un preparato a base di acido acetilsalicilico a rapido assorbimento (forma non gastroresistente) che può assumere per via orale, frantumandolo o masticandolo, per poter assorbire rapidamente il principio attivo. A partire dal secondo giorno, la posologia è di 100 mg di Aspirina Cardio al giorno.

Il medico curante stabilirà la posologia e la durata dell'assunzione.

Non modifichi di propria iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

In caso di assunzione incontrollata (sovradosaggio), consulti immediatamente un medico. Un ronzio alle orecchie e/o attacchi di sudorazione possono essere un'indicazione di sovradosaggio.

Aspirina Cardio non dovrebbe essere usata nei bambini e negli adolescenti sotto i 18 anni.

Quali effetti collaterali può avere Aspirina Cardio?

Comune (riguarda da 1 a 10 utilizzatori su 100)

Un effetto collaterale che può manifestarsi frequentemente è il mal di stomaco.

Non comune (riguarda da 1 a 10 utilizzatori su 1000)

Occasionalmente sono segnalati asma, disturbi della digestione, nausea, vomito e diarrea.

Raro (riguarda da 1 a 10 utilizzatori su 10 000)

In rari casi possono manifestarsi reazioni di ipersensibilità (come gonfiore della pelle e delle mucose (ad es. congestione nasale), eruzioni cutanee, dispnea, calo della pressione sanguigna fino allo shock) nonché sanguinamenti ed ulcere gastrointestinali, che molto raramente possono sfociare in perforazioni.

In casi rari compaiono mal di testa, capogiri, ronzio alle orecchie, disturbi della vista, sordità, stati confusionali, anemia da carenza di ferro nonché disfunzioni renali ed epatiche.

In casi da rari a molto rari sono stati segnalati sanguinamenti gravi, in particolare in pazienti con ipertensione arteriosa non controllata e/o in trattamento concomitante con «fluidificanti del sangue» (anticoagulanti), che in singoli casi possono essere potenzialmente pericolosi per la vita.

Molto raro (riguarda meno di 1 utilizzatore su 10'000)

In casi molto rari possono manifestarsi gravi reazioni cutanee, ipoglicemia, alterazioni dell'equilibrio acido-base e, nei bambini, la sindrome di Reye.

Sono stati osservati ematomi, sangue dal naso, sanguinamento gengivale, sanguinamenti urogenitali e dopo interventi chirurgici. Un aumento del tempo di sanguinamento è possibile.

Singoli casi

È stata riportata insufficienza renale acuta (improvvisa).

Se si dovessero manifestare segni di una reazione di ipersensibilità, è necessario interrompere il medicamento e consultare il medico.

Se durante il trattamento dovesse notare una colorazione nera delle feci o vomito con sangue, deve interrompere il medicamento e consultare immediatamente il medico.

Se osserva effetti collaterali, si rivolga al suo medico, farmacista, soprattutto se si tratta di effetti collaterali non descritti in questo foglietto illustrativo.

Di che altro occorre tener conto?

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore.

Conservare a temperatura ambiente (15-25 °C).

Conservare fuori dalla portata dei bambini.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di un'informazione professionale dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene Aspirina Cardio?

Principi attivi

1 compressa rivestita con film di Aspirina Cardio 100 con rivestimento gastroresistente contiene 100 mg di acido acetilsalicilico e sostanze ausiliarie.

1 compressa rivestita con film di Aspirina Cardio 300 con rivestimento gastroresistente contiene 300 mg di acido acetilsalicilico e sostanze ausiliarie.

Sostanze ausiliarie

Vedere Principi attivi.

Numero dell’omologazione

51795 (Swissmedic).

Dove è ottenibile Aspirina Cardio? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia, dietro presentazione della prescrizione medica.

Compresse rivestite con film da 100 mg: 90.

Compresse rivestite con film da 100 mg: 28 e 98 (confezioni calendario).

Compresse rivestite con film da 300 mg: 30 e 90.

Titolare dell’omologazione

Bayer (Schweiz) AG, 8045 Zurigo.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel febbraio 2020 dall'autorità competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

Visualizzare le informazioni specialistiche sul medicinale