Immagine del prodotto Levofloxacin Mepha Lactabs 250mg 10 Stück
Immagine del prodotto Levofloxacin Mepha Lactabs 250mg 10 StückImmagine del prodotto Levofloxacin Mepha Lactabs 250mg 10 Stück

Levofloxacin Mepha Lactabs 250mg 10 Stück

Gewöhnlich innerhalb von 24 Stunden abholbereit. Dettagli
Questo medicinale appartiene alla lista A e viene pertanto erogato su ricetta. Se dispone di una ricetta medica, potrà inviarcela per posta e a quel punto potremo spedirle il medicinale. Maggiori dettagli

Che cos’è Levofloxacin-Mepha e quando si usa?

Levofloxacin-Mepha è un medicamento per il trattamento di malattie infettive batteriche. Levofloxacin-Mepha appartiene al gruppo degli antibiotici chinolonici ed è efficace contro numerosi tipi di batteri.

Levofloxacin-Mepha è indicato per il trattamento di malattie infettive dell'adulto, quali:

  • infezioni renali e infezioni complicate delle vie urinarie.

Nelle seguenti malattie infettive, Levofloxacin-Mepha viene utilizzato come trattamento di seconda linea, ovvero nei casi in cui un primo trattamento antibiotico si è rivelato inefficace:

  • infezioni delle vie respiratorie: sinusite acuta, riacutizzazione di bronchite cronica, polmonite acquisita in comunità
  • infezioni complicate della pelle e dei tessuti molli.

Levofloxacin-Mepha può essere impiegato solo dietro prescrizione medica.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Questo medicamento le è stato prescritto dal suo medico per il trattamento della sua malattia attuale. Levofloxacin-Mepha non è un antibiotico efficace contro tutti i microrganismi che causano malattie infettive. L'impiego di un antibiotico scelto in modo errato o non giustamente dosato può causare complicazioni. Quindi non lo impieghi mai di sua iniziativa per il trat-tamento di altre malattie o di altre persone. Non usi Levofloxacin-Mepha neanche in seguito, per il trattamento di una recidiva dell'infezione senza aver nuovamente consultato il medico.

Quando non si può usare Levofloxacin-Mepha?

I pazienti con ipersensibilità (allergia) nota o sospetta nei confronti di uno dei componenti di Levofloxacin-Mepha o nei confronti di sostanze analoghe (consulti il suo medico) non possono assumere Levofloxacin-Mepha.

Levofloxacin-Mepha non dovrebbe essere utilizzato nei pazienti che abbiano già avuto effetti indesiderati gravi al momento della sua assunzione o dell'assunzione di altri medicamenti dello stesso tipo.

In tal caso, il paziente deve informare il suo medico tempestivamente.

I pazienti in cui si sono manifestati dolori dei tendini durante una terapia precedente con antibiotici della classe dei fluorochinoloni, non dovrebbero assumere Levofloxacin-Mepha, poiché con l'assunzione di Levofloxacin-Mepha c'è lo stesso rischio (compresa la lacerazione del tendine).

Levofloxacin-Mepha non deve essere utilizzato nei pazienti epilettici, né in persone che hanno avuto una lesione del sistema nervoso centrale (per es. dopo un trauma cranico e cerebrale, dopo processi infiammatori che hanno interessato il cervello o dopo un ictus).

La levofloxacina è sconsigliata nei pazienti con precedenti noti di miastenia gravis (debolezza e affaticamento dei muscoli). Levofloxacin-Mepha può aggravare la debolezza muscolare nei pazienti che presentano miastenia.

Levofloxacin-Mepha non deve essere somministrato ai bambini, agli adolescenti in fase di crescita e alle donne in gravidanza o durante l'allattamento.

Quando è richiesta prudenza nell’uso di Levofloxacin-Mepha?

Questo medicamento può ridurre la capacità di reazione, la capacità di condurre un veicolo e la capacità di utilizzare attrezzi o macchine.

I fluorochinoloni, fra cui Levofloxacin-Mepha, possono provocare effetti indesiderati gravi potenzialmente irreversibili e invalidanti che possono interessare, isolatamente o simultaneamente, diversi organi nel medesimo paziente. In particolare, potrebbero insorgere dolori ai tendini, ai muscoli e alle articolazioni degli arti superiori e inferiori, difficoltà di deambulazione, sensazioni anomale quali formicolio, prurito, pizzicore, intorpidimento o bruciore (parestesie), disturbi sensoriali tra cui alterazioni della vista, del gusto, dell'odorato e dell'udito, depressione, disturbi della memoria, forte affaticamento e gravi disturbi del sonno.

Tali reazioni possono insorgere nelle ore o nelle settimane successive all'assunzione di Levofloxacin-Mepha. Tali effetti indesiderati si sono manifestati in pazienti di qualsiasi età o che non presentavano fattori di rischio preesistenti. Interrompa il trattamento sin dai primi segni o sintomi di un effetto indesiderato grave.

Qualora si manifesti uno di questi effetti collaterali dopo l'assunzione di Levofloxacin-Mepha, sospenda il trattamento e contatti immediatamente il suo medico, con il quale deciderà se continuare ad assumere il medicamento o ricorrere a un antibiotico di un'altra famiglia.

In alcuni pazienti sono stati segnalati casi di reazioni cutanee severe. Se nota reazioni a livello della pelle e/o delle mucose, contatti immediatamente il suo medico prima di proseguire il trattamento.

In caso di reazioni di ipersensibilità e di allergia, interrompa il trattamento e contatti il suo medico.

I fluorochinoloni come Levofloxacin-Mepha possono provocare convulsioni o abbassare la soglia convulsiva. In presenza di convulsioni, interrompa immediatamente il trattamento con Levofloxacin-Mepha e consulti il suo medico.

Un controllo particolarmente accurato è necessario nei pazienti che presentano un rischio di crisi epilettiche (come ad es. un abbassamento della soglia convulsiva, precedenti di convulsioni, una diminuzione della circolazione cerebrale, una modifica della struttura cerebrale, dopo trauma cranico, processi infettivi intracranici o infarto cerebrale) o in caso di miastenia grave. Prima dell'assunzione del medicamento, consulti il suo medico.

Sin dalla prima assunzione di fluorochinoloni come la levofloxacina possono insorgere anche reazioni psichiatriche (p. es. nervosismo, agitazione, insonnia, angoscia, incubi, pensieri paranoici, confusione, tremori, allucinazioni e depressione). In casi molto rari sono stati osservati un peggioramento della depressione o reazioni psicotiche che hanno indotto pensieri suicidi o comportamenti a rischio come tentativi di suicidio. Deve prestare molta attenzione se ha avuto o ha attualmente disturbi psichici, o se soffre di una malattia mentale. Qualora tali sintomi dovessero insorgere, sospenda immediatamente il trattamento e ne parli con il suo medico.

Se la funzione renale è ridotta (insufficienza renale) il suo medico modificherà il dosaggio quotidiano. Il suo medico ne è informato.

Va evitata la contemporanea assunzione di sali di ferro, zinco, didanosina di sucralfato o di medicamenti contro l'acidità gastrica (come ad es. antiacidi contenenti magnesio o alluminio), poiché l'efficacia di Levofloxacin-Mepha può essere ridotta. Quindi questi medicamenti dovrebbero essere presi 2 ore dopo l'assunzione di Levofloxacin-Mepha.

L'insorgenza di diarrea durante o dopo il trattamento con Levofloxacin-Mepha, soprattutto se è grave, persistente e/o accompagnata da sangue, può essere dovuta a un'infezione da Clostridium difficile. Se si sospetta una tale complicazione, interrompere immediatamente il trattamento con Levofloxacin-Mepha e consultare il proprio medico.

In caso di diarrea, non assumere alcun medicamento che rallenti il peristaltismo intestinale (movimenti dell'intestino).

Possono insorgere disturbi del ritmo cardiaco, soprattutto nei pazienti con fattori di rischio conosciuti, come le persone anziane o le donne, se soffre di squilibrio elettrolitico non curato, se soffre o ha sofferto in passato di problemi cardiaci, se è in cura con determinate sostanze note per prolungare l'intervallo QT (medicamenti antiaritmici, alcuni antidepressivi, compresi antidepressivi triciclici, macrolidi o antipsicotici).

In caso di un trattamento contemporaneo con Levofloxacin-Mepha e antagonisti della vitamina K (medicamenti che fluidificano il sangue), vanno controllati i parametri della coagulazione del sangue, a causa del rischio elevato di sanguinamenti.

A livello dell'occhio, l'insorgenza di uveite (malattia infiammatoria dell'interno dell'occhio) si è osservata molto raramente. Se la visione è perturbata o se dovesse insorgere qualsiasi altro effetto visivo, consultare immediatamente un oculista.

La contemporanea assunzione di certi medicamenti come la teofillina o il fenbufene (o di altri medicamenti simili indicati nelle malattie reumatiche e infiammatorie) può aumentare il rischio di attacchi epilettici.

L'assunzione contemporanea di cimetidina (inibitore della secrezione di acido gastrico) o di probenecid (medicamento contro la gotta) richiede cautela: potrebbe risultarne un aumento dei livelli ematici del principio attivo di Levofloxacin-Mepha.

Levofloxacin-Mepha può causare un'infiammazione dei tendini che può arrivare alla rottura persino bilaterale del tendine di Achille, in particolare nei pazienti anziani ultrasessantenni, nei pazienti che assumono contemporaneamente corticosteroidi (ad es. prednisone o sostanze simili) oppure nei pazienti trapiantati. Tale effetto indesiderato può sopraggiungere in sede bilaterale nelle 48 ore successive all'inizio del trattamento o anche fino a molti mesi dopo la sospensione dello stesso.

Ai primi segni di tendinite, consulti immediatamente un medico e lasci a riposo la parte del corpo colpita per evitare una lesione del tendine.

Prima di assumere Levofloxacin-Mepha, informi il suo medico se:

  • le è stata diagnosticata una dilatazione o un «rigonfiamento» di un grosso vaso sanguigno (aneurisma dell'aorta o aneurisma periferico di un vaso di grosso calibro);
  • ha subito, in passato, una dissezione dell'aorta (fissurazione della parete dell'arteria principale);
  • vi sono stati casi di aneurisma o di dissezione dell'aorta nella sua famiglia, o se è a conoscenza di altri fattori di rischio o che predispongono (favoriscono) lo sviluppo di un aneurisma o di una dissezione dell'aorta (per es. malattie del tessuto connettivo quali la sindrome di Marfan, la sindrome di Ehlers-Danlos di tipo vascolare, l'arterite di Takayasu, l'arterite a cellule giganti, la malattia di Behçet, l'ipertensione, l'aterosclerosi conclamata).

Inoltre, se avverte improvvisamente forti dolori all'addome, al tronco o alla schiena si rechi immediatamente al pronto soccorso più vicino.

In pazienti eccessivamente esposti al sole sono state osservate reazioni di fotosensibilità (arrossamento cutaneo, infiammazione). Durante la terapia con Levofloxacin-Mepha e fino a 48 ore dopo la fine del trattamento va evitata l'eccessiva esposizione ai raggi solari o l'uso del solarium. Il trattamento va interrotto se si manifestano reazioni di fotosensibilità.

Se è stato/a trattato/a con un antagonista della vitamina K (p es. warfarin) e prende Levofloxacin-Mepha, è possibile che i valori dei test della coagulazione (PT/INR) aumentino e che si verifichino delle emorragie. Informi il medico o il farmacista se assume un antagonista della vitamina K.

In presenza di carenza della glucosio-6-fosfato-deidrogenasi (malattia ereditaria del metabolismo), sussiste il pericolo di gravi reazioni ematologiche.

Come per tutti i chinoloni, sono stati riportati disturbi ipoglicemici e iperglicemici, perlopiù nel diabete trattato con un agente ipoglicemizzante orale (ad es. glibenclamide) o con l'insulina e/o nei pazienti anziani. In questo caso, si raccomanda una stretta sorveglianza della glicemia. Se il paziente presenta disturbi della glicemia, il trattamento con Levofloxacin-Mepha deve essere interrotto immediatamente e sostituito con un altro antibiotico che non appartiene alla famiglia dei fluorochinoloni.

Sono stati riportati casi di danno nervoso periferico in seguito a trattamento a base di fluorochinoloni, compresa la levofloxacina. I sintomi clinici variano da un caso all'altro e comprendono deficit neurologici senso-motori o sensoriali (ad es. dolori, sensazioni di bruciore, intorpidimento o sensazioni di debolezza, formicolii, perdita della sensibilità tattile, termica o dolorosa degli arti o, al contrario, un'ipersensibilità). La comparsa di tali neuropatie può essere rapida. Consulti immediatamente il suo medico se presenta sintomi di neuropatia e interrompa il trattamento. In tal modo si può ridurre il rischio potenziale di insorgenza di una lesione nervosa irreversibile.

I fluorochinoloni vanno evitati nei pazienti con precedenti di neuropatia periferica. Se insorgono sintomi neuropatici quali dolori, sensazioni di bruciore, formicolii, intorpidimento o sensazioni di debolezza, sospenda immediatamente il trattamento.

Questo medicamento contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per Lactab, cioè essenzialmente «senza sodio».

Informi il suo medico o il suo farmacista, nel caso in cui

  • soffre di altre malattie
  • soffre di allergie o
  • assume altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!).

Si può usare Levofloxacin-Mepha durante la gravidanza o l’allattamento?

Non si può assumere Levofloxacin-Mepha durante la gravidanza o l'allattamento.

Come usare Levofloxacin-Mepha?

Senza prescrizione medica, la posologia applicabile è la seguente:

Adulti:

500 mg di Levofloxacin-Mepha una volta al giorno; le Lactab devono essere inghiottite intere, con sufficiente liquido.

Le Lactab devono essere assunte almeno 2 ore prima o dopo la somministrazione di sali di ferro, zinco o magnesio, antiacidi contenenti alluminio, didanosina o sucralfati, in quanto può verificarsi una diminuzione dell'effetto dell'antibiotico.

Bambini e adolescenti:

L'uso di Levofloxacin-Mepha non è indicato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni.

Come per tutti gli antibiotici, la posologia e la durata del trattamento prescritte dal medico devono essere strettamente rispettate. Solo in questo modo si può ottenere dalla terapia con Levofloxacin-Mepha il maggior beneficio possibile. Anche se si sentirà meglio, non interrompa il trattamento prima del previsto, poiché i segni di malattia diminiuscono spesso prima della completa guarigione dell'infezione. Se il medicamento viene impiegato per un arco di tempo troppo breve o se il trattamento viene interrotto troppo precocemente, può comparire una recidiva della malattia.

Levofloxacin-Mepha può essere assunto senza masticare sia a digiuno con liquido, sia durante un pasto. La dose di Levofloxacin-Mepha viene stabilita dal suo medico e dipende dalla sensibilità dell'agente patogeno e dalla sede dell'infezione.

Non modifichi di sua iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

Se dimentica di assumere una dose di Levofloxacin-Mepha, prenda la(le) Lactab il più presto possibile, purché non sia già il momento di assumere la dose successiva. In questo caso, prenda il dosaggio prescritto e non una dose doppia, ossia la(le) Lactab dimenticata(e) non deve(devono) essere assunta(e).

Se per errore ha preso una compressa in più, non ci si devono aspettare effetti indesiderati. Tuttavia se inavvertitamente ha assunto più Lactab di troppo, contatti il suo medico o il suo farmacista.

Quali effetti collaterali può avere Levofloxacin-Mepha?

Con l'assunzione o l'uso di Levofloxacin-Mepha possono manifestarsi i seguenti effetti collaterali:

nausea, vomito, perdita di appetito, disturbi digestivi, dolori addominali e diarrea. Se durante o dopo la fine del trattamento compare diarrea grave o persistente, consulti immediatamente il suo medico. Non cerchi di trattarla da solo con preparati antiperistaltici (medicamenti che inibiscono le contrazioni dell'intestino).

Informi immediatamente il suo medico in caso di disturbi del ritmo cardiaco, segni di un'infiammazione del pancreas (forti crampi addominali, nausea e vomito) o sintomi di un'epatite (infiammazione del fegato). Segni precoci di un'epatite sono: stanchezza, sensazione di debolezza, malessere, mancanza di appetito, nausea o vomito. Altri segni sono colorazione giallastra degli occhi (congiuntiva), della pelle o feci chiare.

Possono comparire altri effetti: determinate micosi, sovrainfezioni da microrganismi resistenti, mal di testa, capogiri, stordimento, insonnia.

Occasionalmente: tremore, ansia, confusione, crampi, disturbi del gusto e dell'olfatto, disturbi tendinei (in casi molto rari, rottura tendinea come lesione e rottura del tendine di Achille), dolori muscolari e articolari, febbre, sonnolenza.

Sono stati riportati casi di rotture di legamenti, rotture muscolari e artrite.

Raramente: depressione, alterazioni dell'udito (tinnitus), disturbi della vista (visione offuscata), disturbi della memoria, delirium, allucinazioni, paranoia, agitazione, sogni anormali, incubi, pensieri di suicidio, tentativi di suicidio, debolezza muscolare, ipoglicemia (casi di coma ipoglicemico) e iperglicemia ad es. nei diabetici (vedi «Quando è richiesta prudenza nell'uso di Levofloxacin-Mepha?»), convulsioni, tachicardia, formicolii, casi fatali di insufficienza epatica acuta, insufficienza renale acuta. Informi immediatamente il suo medico o il suo farmacista se dovessero manifestarsi queste reazioni.

Occasionalmente sono state osservate alterazioni del quadro ematico e della funzionalità epatica e renale.Possono comparire reazioni allergiche, quali reazioni di ipersensibilità come eruzioni cutanee anche nel cavo orale (stomatite), prurito e orticaria. Le reazioni della pelle possono essere in relazione all'esposizione al sole o alla luce ultravioletta artificiale (solarium).

Molto raramente sono state osservate forti reazioni allergiche quali edema del viso, della lingua e dell'epiglottide, eruzioni cutanee, palpitazioni, abbassamento della pressione arteriosa (con perdita di conoscenza e shock) e insufficienza o difficoltà respiratoria. In questi casi, Levofloxacin-Mepha va sospeso immediatamente ed è necessario un trattamento medico (ad es. la terapia dello shock).

Certi medicamenti appartenenti alla stessa classe di Levofloxacin-Mepha possono causare attacchi di porfiria acuta nei pazienti affetti da questa malattia. Ciò può verificarsi anche durante il trattamento con Levofloxacin-Mepha.

Molto raramente si sono osservati casi di lesione nervosa periferica e movimenti involontari o anomali; inoltre sono stati riportati casi di sincope o di aumento della pressione intracranica. A livello dell'occhio, l'insorgenza di uveite (malattia infiammatoria dell'interno dell'occhio) si è osservata molto raramente. Se la visione è perturbata o qualora dovesse insorgere qualsiasi altro effetto visivo, consultare immediatamente un oculista.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti, dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

In rarissimi casi, effetti secondari persistenti (della durata di diversi mesi o anni) o permanenti, quali infiammazione o rottura dei tendini, dolori articolari, dolori agli arti, difficoltà di deambulazione, sensazioni anomale quali formicolio, prurito, pizzicore, bruciore, torpore o dolore (neuropatia), depressione, affaticamento, disturbi del sonno, disturbi della memoria, nonché alterazioni dell'udito, della vista, del gusto e dell'odorato, sono stati associati alla somministrazione di antibiotici della famiglia dei chinoloni e dei fluorochinoloni, talvolta a prescindere dalla presenza di fattori di rischio preesistenti.

Qualora comparisse uno degli effetti collaterali sopra descritti o se notasse altri effetti collaterali che ritiene possano essere legati all'assunzione di Levofloxacin-Mepha, consulti immediatamente il medico o il farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Conservare nella confezione originale, a temperature non superiori a 25°C. Conservare fuori dalla portata dei bambini.

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore.

Al termine del trattamento riporti le Lactab non utilizzate a chi gliele ha fornite (studio medico o farmacia) affinché vengano smaltite secondo le modalità corrette.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di un'informazione professionale dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene Levofloxacin-Mepha?

Principi attivi

1 Lactab di Levofloxacin-Mepha (con linea di frattura) contiene 250 mg o 500 mg di levofloxacina emiidrato.

Sostanze ausiliarie

Nucleo della compressa:

Silice anidra colloidale, idrossipropilcellulosa, carbossimetilamido sodico, croscarmellosa sodica, acqua purificata, talco, magnesio stearato.

Film della compressa:

Acqua purificata, ipromellosa, biossido di titanio (E171), macrogol 400, polisorbato 80, ossido di ferro rosso (E172), ossido di ferro giallo (E172) (soltanto per il dosaggio da 500 mg), ossido di ferro nero (E172) (soltanto per il dosaggio da 500 mg).

Numero dell’omologazione

60115 (Swissmedic).

Dove è ottenibile Levofloxacin-Mepha? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia, dietro presentazione della prescrizione medica non rinnovabile.

Levofloxacin-Mepha 250 mg: confezioni da 5, 7 e 10 Lactab (divisibili).

Levofloxacin-Mepha 500 mg: confezioni da 5, 7 e 10 Lactab (divisibili).

Titolare dell’omologazione

Mepha Pharma AG, Basel.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel luglio 2019 dall'autorità competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

Numero interno della versione: 7.2

Visualizzare le informazioni specialistiche sul medicinale