Vinorelbin Sandoz Kapseln 30mg

Generalmente pronto per il ritiro in un arco di tempo che va da 2 a 3 giorni. Dettagli
Questo medicamento fa parte dell'elenco A e va tenuto sempre in frigorifero, pertanto non possiamo spedirlo. Si può ritirare in farmacia solo presentando la ricetta.

Che cos'è Vinorelbine Sandoz e quando si usa?

Vinorelbine Sandoz è un cosiddetto citostatico contenente il principio attivo vinorelbina. Tale sostanza inibisce la divisione cellulare e di conseguenza la proliferazione delle cellule tumorali.

Vinorelbine Sandoz deve essere utilizzato solo su prescrizione medica.

Vinorelbine Sandoz capsule molli si utilizzate per via orale nel trattamento di una forma di tumore polmonare (carcinoma polmonare non a piccole cellule) in monoterapia o in combinazione con un altro citostatico (composto del platino) che viene somministrato per via endovenosa. In caso di carcinoma mammario localmente esteso o metastatico, Vinorelbine Sandoz capsule molli viene utilizzato in monoterapia o con capecitabina, un altro citostatico.

Quando non si può assumere Vinorelbine Sandoz?

  • In caso di ipersensibilità al principio attivo o ad una delle sostanze ausiliarie.
  • Durante la gravidanza e l'allattamento (vedi anche «Si può somministrare/usare Vinorelbine Sandoz durante la gravidanza o l'allattamento?»).
  • In caso di malattie epatiche gravi.
  • In caso di malattie gastrointestinali che compromettano seriamente l'assorbimento dei medicamenti e degli alimenti.
  • In caso di precedente asportazione chirurgica parziale dello stomaco e/o dell'intestino tenue.
  • In caso di grave riduzione dei globuli bianchi e rossi e delle piastrine.
  • In caso di gravi infezioni.
  • In pazienti che richiedono ossigenoterapia per lungo tempo in caso di carcinoma polmonare non a piccole cellule inoperabile.
  • In caso di somministrazione concomitante di vaccini vivi attenuati (p.es. vaccino contro la febbre gialla).

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione di Vinorelbine Sandoz?

Il medico le prescriverà regolarmente gli esami del sangue ed eventualmente adatterà la dose del medicamento.

Informi il suo medico se soffre di malattie del sistema nervoso. In questi casi si consiglia di utilizzare Vinorelbine Sandoz con estrema cautela.

Vinorelbine Sandoz non deve essere somministrato in concomitanza con trattamenti radioterapici. Informi il suo medico nel caso in cui il fegato sia uno degli organi irradiati o la funzione epatica sia compromessa a causa della presenza di metastasi.

Durante l'impiego di Vinorelbine Sandoz è stato registrato un aumento delle infezioni. Informi pertanto il medico immediatamente alla comparsa dei primi sintomi di un'infezione (come p.es. febbre o dolori).

Prima di iniziare la terapia informi il suo medico se soffre di malattie al cuore come l'angina pectoris o se ha avuto un infarto cardiaco.

Se dovesse vomitare entro poche ore dall'assunzione di Vinorelbine Sandoz capsule molli, non assuma altre capsule nel corso della settimana e informi il suo medico.

Si sconsiglia la somministrazione concomitante di vaccini vivi (che contengono una piccola quantità di germi attenuati, come ad esempio il vaccino contro la febbre gialla) poiché i vaccini vivi possono in casi molto rari provocare effetti collaterali gravi o molto gravi. Nel caso debba sottoporsi a vaccinazione, chieda al suo medico quali sono i vaccini indicati.

Nella popolazione giapponese sono stati riferiti con maggiore frequenza casi di malattie polmonari in seguito all'utilizzo di vinorelbina. Nel caso in cui appartenga a tale popolazione è necessario che si sottoponga a un controllo particolarmente accurato.

Interazioni con altri medicamenti:

L'uso concomitante di Vinorelbine Sandoz con altri medicamenti può provocare interazioni:

  • medicamenti per il trattamento dei pazienti trapiantati (ciclosporina, tacrolimus)
  • medicamenti per il trattamento dell'epilessia (fenitoina, fenobarbitale, carbamazepina)
  • medicamenti per il trattamento dell'AIDS o delle infezioni da HIV (ritonavir)
  • antibiotici (rifampicina, eritromicina, claritromicina, telitromicina, mitomicina C)
  • medicamenti per il trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco (verapamil, chinidina)
  • medicamenti per favorire la fluidificazione del sangue (anticoagulanti) (acenocumarolo, fenprocumone)
  • preparati a base di iperico (erba di San Giovanni)
  • medicamenti per il trattamento di infezioni micotiche (itraconazolo)
  • antidepressivi (nefazodone)

A causa della presenza di sorbitolo, si consiglia ai pazienti con un'intolleranza al fruttosio di non utilizzare Vinorelbine Sandoz capsule molli e di informare il medico in merito all'intolleranza.

Effetti sulla capacità di guidare e usare macchinari:

Non sono stati condotti specifici studi a questo proposito. A causa di possibili effetti indesiderati come nausea e vomito è richiesta prudenza durante la guida di un veicolo e l'utilizzo di macchinari.

Informi il suo medico o il suo farmacista nel caso in cui:

  • soffra di altre malattie,
  • soffra di allergie o
  • assuma o applichi esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa).

Si può assumere Vinorelbine Sandoz durante la gravidanza o l'allattamento?

Vinorelbine Sandoz non deve essere assunto in gravidanza. Le donne in età fertile devono utilizzare metodi contraccettivi affidabili. Avvisi immediatamente il suo medico se dovesse insorgere una gravidanza durante il trattamento con Vinorelbine Sandoz.

Vinorelbine Sandoz non deve essere assunto durante l'allattamento, pertanto l'allattamento deve essere interrotto prima di iniziare la terapia con Vinorelbine Sandoz.

Agli uomini trattati con Vinorelbine Sandoz si consiglia di non concepire figli durante il trattamento e nei 3 mesi successivi e di chiedere informazioni sulla possibilità di conservare lo sperma, alla luce della possibile infertilità permanente associata alla terapia con vinorelbina.

Come usare Vinorelbine Sandoz?

Le capsule molli di Vinorelbine Sandoz devono essere assunte una volta alla settimana. La dose è calcolata in base alla superficie corporea. Il suo medico le comunicherà quale dosaggio e quante capsule di Vinorelbine Sandoz dovrà assumere. La dose sarà adattata in base ai suoi parametri ematologici e ridotta all'insorgere di un'insufficienza epatica.

Se usato in combinazione con altri citostatici, Vinorelbine Sandoz capsule molli devono essere assunte anche il Giorno 1 e il Giorno 8 ogni tre settimane, a seconda dei protocolli di trattamento che si sono dimostrati efficaci per il trattamento della malattia.

In ogni caso la dose totale somministrata non deve mai superare i 160 mg a settimana.

I bambini e gli adolescenti non devono essere trattati con Vinorelbine Sandoz.

Per aprire la confezione a prova di bambino di Vinorelbine Sandoz capsule molli procedere come segue:

  1. tagliare il blister lungo la linea tratteggiata nera con un paio di forbici,
  2. togliere il foglio di plastica morbido,
  3. spingere la capsula attraverso il foglio di alluminio.

Le capsule molli di Vinorelbine Sandoz devono essere assunte con un po' d'acqua e non devono essere né masticate né succhiate, preferibilmente ai pasti.

Nel caso si fosse masticato o succhiato per errore una capsula, sciacquare immediatamente la bocca con acqua e avvisare subito il medico.

Le capsule danneggiate non devono essere ingerite e devono essere restituite al medico o al farmacista per essere smaltite in modo appropriato.

In caso di contatto del contenuto delle capsule con la pelle, con le mucose o con gli occhi, lavare immediatamente la parte interessata con abbondante acqua e informare il medico.

In caso di vomito poche ore dopo l'assunzione di Vinorelbine Sandoz capsule molli, non ripetere la somministrazione della dose nella stessa settimana e informare il medico.

Non modifichi di propria iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

Quali effetti collaterali può avere Vinorelbine Sandoz?

Con l'assunzione di Vinorelbine Sandoz possono manifestarsi i seguenti effetti collaterali:

Molto frequenti: infezioni causate da batteri, virus o funghi (che possono essere localizzate in diverse parti del corpo), diminuzione dei globuli bianchi e rossi e delle piastrine, soppressione della normale emopoiesi (formazione del sangue) nel midollo osseo, anemia, perdita dei riflessi tendinei, disturbi motori, nausea e vomito (un'idonea terapia di supporto può ridurne la comparsa), diarrea, stitichezza, inappetenza, perdita di capelli, stanchezza/malessere, febbre, perdita di peso, dolori addominali, infiammazione della mucosa orale.

Frequenti: affanno e senso di costrizione a livello dei bronchi, infiammazione dell'esofago, dolori in diverse regioni del corpo come dolori articolari, mandibolari e muscolari, dolori tumorali, disturbi del sonno, mal di testa, vertigini, alterazioni del gusto, disturbi della vista, tosse, difficoltà di deglutizione, minzione dolorosa e altri disturbi delle vie urinarie e degli organi sessuali, brividi, spossatezza, calo della pressione arteriosa (ipotensione), aumento della pressione arteriosa (ipertensione), aumento di peso.

Occasionali: problemi cardiaci (p.es. insufficienza cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco), occlusione intestinale;

Rari: disturbi al fegato (incluso l'aumento dei valori epatici), reazioni cutanee.

Molto rari: diminuzione dei sali nel sangue (p.es. sodio, potassio, calcio e magnesio) con conseguente alterazione dei processi vitali dell'organismo, infiammazione del muscolo cardiaco, sanguinamenti del tratto gastrointestinale, setticemia.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Conservare nella confezione originale, in frigorifero (2–8°C), e fuori dalla portata dei bambini.

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore. Riporti al medico o al farmacista le capsule inutilizzate in modo che siano smaltite nel modo corretto.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di un'informazione professionale dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene Vinorelbine Sandoz?

Vinorelbine Sandoz capsule molli contiene 20 mg, 30 mg o 80 mg di vinorelbina (sotto forma di vinorelbina tartrato) come principio attivo e sostanze ausiliarie.

Numero dell'omologazione

67330 (Swissmedic)

Dove è ottenibile Vinorelbine Sandoz? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia, dietro presentazione della prescrizione medica non rinnovabile.

Sono disponibili confezioni da:

Vinorelbine Sandoz 20 mg: 1 capsula molle di colore marrone chiaro

Vinorelbine Sandoz 30 mg: 1 capsula molle di colore rosa

Vinorelbine Sandoz 80 mg: 1 capsula molle di colore giallo

Titolare dell'omologazione

Sandoz Pharmaceuticals S.A., Risch; domicilio: Rotkreuz

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel marzo 2017 dall'autorità competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

Visualizzare le informazioni specialistiche sul medicinale