Immagine del prodotto Omeprazol Sandoz Eco Kapseln 10mg Dose 28 Stück
Immagine del prodotto Omeprazol Sandoz Eco Kapseln 10mg Dose 28 StückImmagine del prodotto Omeprazol Sandoz Eco Kapseln 10mg Dose 28 StückImmagine del prodotto Omeprazol Sandoz Eco Kapseln 10mg Dose 28 Stück

Omeprazol Sandoz Eco Kapseln 10mg Dose 28 Stück

Generalmente pronto per il ritiro entro 24 ore. Dettagli
Questo medicinale appartiene alla lista B e viene pertanto erogato su ricetta. Se dispone di una ricetta medica, potrà inviarcela per posta e a quel punto potremo spedirle il medicinale. Maggiori dettagli

Che cos’è Oméprazole Sandoz eco e quando si usa?

Oméprazole Sandoz eco contiene come principio attivo omeprazolo e provoca una diminuzione della produzione di succhi gastrici. Oméprazole Sandoz eco si usa per adulti e bambini di più di 12 anni nella cura di:

  • ulcere gastriche e duodenali;
  • infiammazione e/o ulcera della parte inferiore dell'esofago (esofagite da reflusso);
  • trattamento a lunga durata e trattamento preventivo di tutti i succitati quadri clinici;
  • ulcere gastriche e duodenali correlate ad un'infezione da Helicobacter pylori, la terapia viene fatta in combinazione con farmaci battericidi (antibiotici);
  • ulcere gastriche e duodenali causate da farmaci antireumatici non steroidei;
  • bruciori e acidità di stomaco (latino: reflusso gastroesofageo sintomatico);
  • disturbi gastrici in generale e senso di sazietà;
  • sindrome di Zollinger-Ellison (una produzione patologica di ormoni nel pancreas causa una produzione eccessiva di acidi gastrici che porta all'ulcera gastroduodenale).

Per bambini fino a 12 anni, Oméprazole Sandoz eco si usa per trattare l'infiammazione e/o l'ulcera della parte inferiore dell'esofago (nome latino: esofagite da reflusso).

Oméprazole Sandoz eco si può usare su prescrizione e sotto constante controllo del medico.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Una infiammazione causata dagli acidi gastrici o una ulcera possono essere curate in modo giusto soltanto se si seguono esattamente le istruzioni concordate col medico curante.

Quando non si può assumere Oméprazole Sandoz eco?

Oméprazole Sandoz eco non si può usare in caso di ipersensibilità conosciuta al principio attivo o ad una delle sostanze ausiliarie.

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione di Oméprazole Sandoz eco?

L'assunzione di altri medicamenti può influire sull'azione di Oméprazole Sandoz eco oppure può essere influenzata dall'azione di Oméprazole Sandoz eco. Si tratta per esempio di certi farmaci per curare le infezioni da HIV, la tubercolosi, l'epilessia, le depressioni, le micosi (malattie dovute a funghi), i disturbi dell'attività gastrointestinale, i problemi cardiaci, di calmanti e/o sonniferi, dei farmaci anticoagulanti, alcuni prodotti contro il rigetto di organi dopo trapianto, nonché alcuni medicamenti antitumorali. A causa dei suoi effetti collaterali (mal di testa e capogiri) questo medicamento può alterare la capacità di reazione nonché la capacità di guidare veicoli e di utilizzare attrezzi o macchine!

Se assume Oméprazole Sandoz eco per più di 3 mesi, è possibile che subentri una riduzione del livello di magnesio nel sangue. Tale effetto si rende evidente con affaticamento, tensioni muscolari involontarie, confusione mentale, crampi, capogiri e aumento della frequenza cardiaca. Se manifesta uno di questi effetti collaterali, ne informi immediatamente il suo medico. Un basso livello di magnesio nel sangue può anche causare un calo della concentrazione di potassio e calcio nel sangue. Il suo medico può eseguire esami del sangue regolari per monitorare il suo livello di magnesio.

L'assunzione di un inibitore della pompa protonica quale Oméprazole Sandoz eco può aumentare leggermente il rischio di fratture ossee a livello di articolazione dell'anca e del polso o della colonna vertebrale, soprattutto se si assume il medicamento per un periodo di tempo superiore a un anno. Informi il suo medico, se soffre di osteoporosi o se assume corticosteroidi (medicamenti in grado di aumentare il rischio di osteoporosi).

Se compare un'eruzione cutanea, in particolare nelle aree della pelle esposte al sole, insieme a dolori articolari, avverta immediatamente il medico. Può infatti essere necessario interrompere il trattamento con Oméprazole Sandoz eco.

Informi il suo medico o il suo farmacista nel caso in cui soffra di altre malattie, soffra di allergie o assuma altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!).

Si può somministrare Oméprazole Sandoz eco durante la gravidanza o l’allattamento?

Se è incinta o prevede una gravidanza, come pure durante l'allattamento, può prendere Oméprazole Sandoz eco solo dopo aver consultato il medico.

Come usare Oméprazole Sandoz eco?

Il medico, in base a visite regolari, stabilirà la dose individualmente.

Generalmente sono valide le seguenti indicazioni di massima:

Bambini fino ai 12 anni

Per trattare una esofagite da reflusso il medico fissa la dose secondo il peso corporeo del bambino.

Nei pazienti con disturbi della deglutizione nonché nei bambini capaci di bere o di inghiottire cibi semisolidi, si può mettere la capsula in sospensione in acqua o in bevande leggermente acide (ad es. succhi, yogurt o latte acido) prima dell'assunzione. Questa preparazione deve essere assunta immediatamente (entro 30 minuti). Riempire la metà del bicchiere con acqua, sciacquare il bicchiere e bere. Non usare latte o acqua gassata. Le capsule non vanno né schiacciate né masticate.

Adulti e ragazzi di età superiore ai 12 anni

In caso di ulcera duodenale normalmente 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno per 2–4 settimane.

In caso di ulcera gastrica o esofagea normalmente 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno per 4–8 settimane.

In casi di ulcere correlate ad un'infezione da Helicobacter pylori, il trattamento con Oméprazole Sandoz eco 20–40 mg viene fatto in combinazione con i farmaci battericidi (antibiotici) prescritti dal medico e dura una settimana. Se necessario (in caso di risultati di laboratorio positivi per l'Helicobacter pylori) il trattamento può essere ripetuto.

Di regola 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno per 4–8 settimane nelle ulcere gastriche e duodenali causate da farmaci antireumatici non steroidei.

Di regola 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno nei casi di bruciori e acidità di stomaco. Se non è sufficiente un trattamento con 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg della durata di 4 settimane, dovranno essere effettuate ulteriori indagini.

In caso di sindrome di Zollinger-Ellison la dose iniziale è di 60 mg di omeprazolo una volta al giorno. In caso di dosi elevate la dose giornaliera può essere divisa in 2 somministrazioni.

Per il trattamento a lunga durata e per la profilassi contro ricadute, in caso di pazienti con ulcera duodenale (ulcus duodeni) la dose consigliata è di 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno. Se necessario, la dose può essere aumentata dal medico a 40 mg di omeprazolo una volta al giorno.

Per la profilassi contro ricadute in caso di pazienti con ulcera gastrica, la dose consigliata è di 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg una volta al giorno. Se necessario, la dose può essere aumentata dal medico a 40 mg di omeprazolo.

Per la profilassi contro ricadute in caso di pazienti che avevano sofferto di una infiammazione della parte inferiore dell'esofago (esofagite da reflusso), la dose consigliata è di 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 10 una volta al giorno. Se necessario, la dose può essere aumentata dal medico a 20–40 mg di omeprazolo una volta al giorno.

In caso di disturbi gastrici generali e senso di sazietà, di regola 1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 10 mg una volta al giorno. Se dopo quattro settimane non vi sono miglioramenti si deve effettuare un ulteriore esame.

Le capsule di Oméprazole Sandoz eco vanno prese preferibilmente al mattino con del liquido senza essere masticate. Nei pazienti con disturbi della deglutizione nonché nei bambini capaci di bere o di inghiottire cibi semisolidi, si può aprire la capsula e ingerirne il contenuto direttamente o dopo averlo mescolato con bevande leggermente acide (per esempio succhi, yogurt o latte acido). Questa preparazione deve essere assunta immmediatamente (entro 30 minuti). Riempire la metà del bicchiere con acqua, sciacquare il bicchiere e bere. Non usare latte o acqua gassata. La capsula non va schiacciata né masticata.

Non modifichi di propria iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

Quali effetti collaterali può avere Oméprazole Sandoz eco?

Si manifestano frequentamente mal di testa, diarrea, stitichezza, gonfiori di pancia, mal di ventre, nausea, vomito, escrescenze benigne (polipi) nello stomaco e occasionalmente insonnia, capogiri, formicolio, prurito e reazioni cutanee. Altri effetti collaterali rari sono orticaria, stanchezza, sensibilità aumentata verso la luce, vista offuscata, perdita di capelli, infiammazione della mucosa della bocca (stomatite), stati di irrequitezza, aumento del volume della ghiandole del seno maschile, edema, restringimento delle vie respiratorie, gonfiori della pelle, principalmente del viso, delle labbra o delle mucose (angioedema) e infiammazioni dell'intestino. Episodi di eruzioni cutanee eventualmente legati a dolori articolari sono stati riportati molto raramente.

Se assume Oméprazole Sandoz eco per più di tre mesi, si può manifestare affaticamento, tensioni muscolari involontarie, confusione mentale, crampi, capogiri e aumento della frequenza cardiaca.

Se nota qualche sintomo che potrebbe essere in correlazione all'assunzione di questo farmaco, dovrebbe informare il medico.

In una delle seguenti situazioni deve immediatamente prendere contatto con il suo medico: forte perdita di peso involontaria, vomito persistente, difficoltà di deglutizione, vomito con tracce di sangue, feci scure o eruzioni cutanee.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Conservare nella confezione originale, a temperatura ambiente (15–25 °C), al riparo dall'umidità e fuori dalla portata dei bambini.

Il contenitore di plastica contiene una capsula con disidratante (gel di silice) e deve sempre essere ben sigillato.

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore.

Se fosse in possesso di capsule di Oméprazole Sandoz eco scadute, si prega di riportarle in farmacia per l'eliminazione.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di documentazione professionale dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene Oméprazole Sandoz eco?

1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 10 mg contiene come principio attivo 10 mg di omeprazolo e sostanze ausiliarie per la preparazione di capsule.

1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 20 mg contiene come principio attivo 20 mg di omeprazolo e sostanze ausiliarie per la preparazione di capsule.

1 capsula di Oméprazole Sandoz eco 40 mg contiene come principio attivo 40 mg di omeprazolo e sostanze ausiliarie per la preparazione di capsule.

Numero dell’omologazione

57270 (Swissmedic).

Dove è ottenibile Oméprazole Sandoz eco? Quali confezioni sono disponibili?

Oméprazole Sandoz eco è in vendita in farmacia dietro presentazione della prescrizione medica.

Oméprazole Sandoz eco 10 mg: Confezioni da 14, 28, 56 e 100 capsule.

Oméprazole Sandoz eco 20 mg: Confezioni da 7, 14, 28, 56 e 100 capsule.

Oméprazole Sandoz eco 40 mg: Confezioni da 7, 28 e 56 capsule.

Titolare dell’omologazione

Sandoz Pharmaceuticals S.A., Risch; domicilio: Rotkreuz.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel novembre 2017 dall'autorità competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

Visualizzare le informazioni specialistiche sul medicinale